Juego España

Istituto Doxa: chi sono i giocatori online e offline

L’Istituto Doxa, società indipendente di ricerca e analisi di mercato in Italia nata nel 1946, ha condotto alcuni studi sul mercato del gioco analizzando in particolare il profilo dei giocatori che ha suddiviso in due categorie: gli amanti del gioco virtuale e gli amanti del gioco fisico.

La scelta di sottoporre ad analisi il profilo dei players non è affatto casuale poiché quando si tratta di immettere un nuovo gioco sul mercato, quando si vuole capire il successo o l’insuccesso di un gioco già offerto al pubblico o quando si tratta di valutare le strategie di marketing da adottare per potenziare il target di riferimento, una delle prime cose da fare è studiare il profilo dei giocatori.

Una strategia utile che aiuta a comprendere quali sono le corrette strategie di marketing dirette al proprio target, che si tratti di giocatori offline, (ossia coloro che si dedicano alle attività di gioco in sale e locali predisposti, dove non è necessaria una connessione a internet), che di giocatori online. Doxa si è proposta di analizzare le differenze tra queste due tipologie di giocatori, rilevando quanto entrambi appartengano a due sfere distinte: “giocatori off e on line sono due mondi distinti, che si intersecano solo per una limitata percentuale di players”.

Profilo dei giocatori offline

Dalla descrizione rilevata dall’Istituto Doxa emerge che: dal punto di vista socio-demografico sono per due terzi uomini; hanno un’età media di 45 anni che si concentra nelle fasce di età adulte dai 45 ai 54 anni. Si concentrano principalmente nel centro e nelle grandi città. Hanno una cultura medio-bassa; una piccola percentuale possiede una laurea. Hanno pochi interessi culturali e sociali; leggono poco, in particolare testate sportive ed escono con gli amici, sempre gli stessi, con i quali esiste un rapporto consolidato nel tempo. Utilizzano internet, ma non è una delle loro principali attività. Utilizzano maggiormente il contante e meno il bancomat o le carte di credito. Tra i servizi a pagamento la ricarica del cellulare è il più utilizzato nei canali bar, tabaccheria e ricevitoria. Navigano in rete quotidianamente da pc e da smartphone, meno da tablet; poco meno della metà è iscritto ad un social network al quale si collega tutti i giorni.

Profilo dei giocatori online

Sono più giovani ed hanno un’età media di 35 anni; sono maggiormente concentrati nei piccoli centri o nei centri minori; tra questi una piccola percentuale di donne che si è avvicinata al gioco negli ultimi anni. Sono laureati o diplomati, hanno diversi interessi legati a svariate categorie di temi: attualità, sport, politica, viaggi. Utilizzano carte di credito o carte prepagate e strumenti di pagamento consolidati come Paypal. Navigano in Internet tutti i giorni o più volte al giorno; si dedicano non solo a giochi con vincite in denaro ma anche a giochi di ruolo o strategia e di abilità interagendo con altre persone.

Differenze a livello attitudinale tra i due profili: i giocatori offline preferiscono giocare in gruppo e prediligono quei luoghi e situazioni di aggregazione sociale (come il corner o l’agenzia). Peculiarità che non possono essere ricreate in un contesto online dove il rapporto tra gioco e giocatore è più esclusivista ed intimo e dove la socialità, seppur ricreata, è molto ristretta ed asettica.

You may also like...

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *